Pagine

martedì 2 aprile 2013

ENEIDE - libro IV


ENEIDE
LIBRO IV
RIASSUNTO
-          Iarba, re africano, figlio di Giove, viene rifiutato come sposo da Didone, la stessa donna che aveva accolto nella sua terra come profuga insieme ai suoi concittadini
-          Viene a sapere inoltre del connubium (matrimonio) che si terrà tra la regina ed Enea (che chiama qui “il nuovo Paride”)
-          Iarba si lamenta con il padre Giove, che manda Mercurio, messaggero degli dei, da Enea con l’incarico di ricordargli il suo destino e il suo compito di sub leges mittere orbem, “sottomettere il mondo alla legge”, per il quale la madre Venere lo ha salvato due volte dalle armi dei greci
-          Mercurio sorvola la catena di Atlante, arriva dall’eroe che incalza con aspre parole e lo incita a partire svelto verso l’Italia (lo beffeggia addirittura chiamandolo uxorius, “sottomesso ad una donna”)
-          L’apparizione punitiva del dio fa spaventare Enea, la stessa paura che ha per la reazione di Didone
-          Qui si raggiunge l’akmè, il rivolgimento della situazione iniziale, passaggio narrativo proprio della tragedia per cui una situazione iniziale di equilibrio viene sconvolta e portata all’estremo, solo dopo si ristabilisce un nuovo ordine con il cambiamento o la perdita di qualcosa, segnato dal passato
-          Enea obbedisce consapevolmente all’ordine divino, cosciente del dramma della donna e suo
-          L’addio » nell’ultimo colloquio i due amanti appaiono chiusi ad ogni possibilità di comunicazione
                    » si parlano ma questo non è un vero dialogo, ognuno porta avanti la sua argomentazione
                       che è incompatibile con quella dell’altro
                    » mentre Enea è proiettato verso la sua missione, Didone è come impietrita nel dolore
                    » Didone fa emergere la sua parte femminile: sentimenti teneri e supplici, desideri materni
                    » Enea risponde con l’ossequio a una volontà superiore (portatore di valori più alti)
                    » i toni della regina si fanno più aspri: sarcasmo, accuse, minacce, amore mutato in odio
                    » l’odio si protrae per l’eternità insieme all’incapacità di comunicazione (incontro agli inferi)

OSSERVAZIONI
-          Tragedia di Didone è comunque inserita in un poema epico (non è un testo teatrale)
       » svolta di inserire la tragedia in un testo epico è attuata dal greco Apollonio Rodio
       » in età ellenistica scrive un testo epico più aperto agli altri stili e soprattutto al pathos ma esagera
       » solo Virgilio però è capace di accogliere sollecitazione extra genere e di controllarle
-          Enea rimane unico grande protagonista, incarnazione di valori così fondamentali da superare tutto
       » per alcuni critici Enea appare freddo, rigido, incapace davanti ai sentimenti umani
       » Enea è invece amante fino in fondo del destino, del suo compimento, della felicità completa per
          cui mette il sentimento a servizio della ragione e non il contrario
-          Enea » afferma che la vita è un cammino e perseguirlo ti porta al destino, cioè al tuo compimento
               » questa consapevolezza viene maturata attraverso il dolore e la delusione davanti al fallimento
                  dei progetti umani davanti a quelli divini (nelle tappe pensava sempre di essere arrivato)
               » le circostanze si rivelano un ostacolo perché il suo destino non viene da un suo progetto
               » la scelta di seguire la meta si rinnova ad ogni passo, non è una decisione definitiva, ma un
                  cammino, ad ogni tappa decide sempre di fidarsi della volontà divina e rinunciare a sé
-          Didone » concezione del destino diversa da quella di Enea
                   » come una donna moderna, ha una duplice dimensione: personale (donna) e politica (regina)
                   » è responsabile di sé e del suo popolo, Enea risponde ad entrambe le dimensioni (lo ama
                      come donna, è in grado di proteggere tutta Cartagine dai paesi confinanti a lei nemici)
                   » la partenza di Enea la distrugge sia come donna che come regina
                   » non accetta le conseguenze del destino (modello della letteratura tragica)
                   » come Francesca (V canto, Dante) si strugge tra sentimento e ragione, per poi cedere al 1°
                   » viene descritta la sua ferita del cuore, che ha il carattere di un’ustione







TESTO LATINO
TRADUZIONE

DE DIDONIS INTERVENTU (4.296-330)
At regina dolos quis fallere possit amantem? 4.296
praesensit, motusque excepit prima futuros
omnia tuta timens. eadem impia Fama furenti
detulit armari classem cursumque parari.
saevit inops animi totamque incensa per urbem
bacchatur, qualis commotis excita sacris
Thyias, ubi audito stimulant trieterica Baccho
orgia nocturnusque vocat clamore Cithaeron.
tandem his Aenean compellat vocibus ultro:
“dissimulare etiam sperasti, perfide, tantum
posse nefas tacitusque mea decedere terra?
nec te noster amor nec te data dextera quondam
nec moritura tenet crudeli funere Dido?
quin etiam hiberno moliri sidere classem
et mediis properas Aquilonibus ire per altum, 4.310
crudelis? quid, si non arva aliena domosque
ignotas peteres, et Troia antiqua maneret,
Troia per undosum peteretur classibus aequor?
mene fugis? per ego has lacrimas dextramque tuam te
quando aliud mihi iam miserae nihil ipsa reliqui,
per conubia nostra, per inceptos hymenaeos,
si bene quid de te merui, fuit aut tibi quicquam
dulce meum, miserere domus labentis et istam,
oro, si quis adhuc precibus locus, exue mentem.
te propter Libycae gentes Nomadumque tyranni
odere, infensi Tyrii; te propter eundem
exstinctus pudor et, qua sola sidera adibam,
fama prior. cui me moribundam deseris hospes
hoc solum nomen quoniam de coniuge restat?
quid moror? an mea Pygmalion dum moenia frater
destruat aut captam ducat Gaetulus Iarbas?
saltem si qua mihi de te suscepta fuisset
ante fugam suboles, si quis mihi parvulus aula
luderet Aeneas, qui te tamen ore referret,
non equidem omnino capta ac deserta viderer.´ 4.330



DE AENEAE RESPONSO (4.331-461)

Dixerat. ille Iovis monitis immota tenebat
lumina et obnixus curam sub corde premebat.
tandem pauca refert: ´ego te, quae plurima fando
enumerare vales, numquam, regina, negabo
promeritam, nec me meminisse pigebit Elissae
dum memor ipse mei, dum spiritus hos regit artus.
pro re pauca loquar. neque ego hanc abscondere furto
speravi ne finge fugam, nec coniugis umquam
praetendi taedas aut haec in foedera veni.
me si fata meis paterentur ducere vitam
auspiciis et sponte mea componere curas,
urbem Troianam primum dulcisque meorum
reliquias colerem, Priami tecta alta manerent,
et recidiua manu posuissem Pergama victis.
sed nunc Italiam magnam Gryneus Apollo,
Italiam Lyciae iussere capessere sortes;
hic amor, haec patria est. si te Karthaginis arces
Phoenissam Libycaeque aspectus detinet urbis,
quae tandem Ausonia Teucros considere terra
invidia est? et nos fas extera quaerere regna. 4.350
me patris Anchisae, quotiens umentibus umbris
nox operit terras, quotiens astra ignea surgunt,
admonet in somnis et turbida terret imago;
me puer Ascanius capitisque iniuria cari,
quem regno Hesperiae fraudo et fatalibus arvis.
nunc etiam interpres diuum Iove missus ab ipso
testor utrumque caput celeris mandata per auras
detulit: ipse deum manifesto in lumine vidi
intrantem muros vocemque his auribus hausi.
desine meque tuis incendere teque querelis;
Italiam non sponte sequor.´



DE REGINAE DIDONIS DESPERATIONE 362-392
Talia dicentem iamdudum aversa tuetur 4.362
huc illuc volvens oculos totumque pererrat
luminibus tacitis et sic accensa profatur:
´nec tibi diua parens generis nec Dardanus auctor,
perfide, sed duris genuit te cautibus horrens
Caucasus Hyrcanaeque admorunt ubera tigres.
nam quid dissimulo aut quae me ad maiora reservo?
num fletu ingemuit nostro? num lumina flexit?
num lacrimas victus dedit aut miseratus amantem est?
quae quibus anteferam? iam iam nec maxima Iuno
nec Saturnius haec oculis pater aspicit aequis.
nusquam tuta fides. eiectum litore, egentem
excepi et regni demens in parte locavi. 4,374
amissam classem, socios a morte reduxi
heu furiis incensa feror: nunc augur Apollo,
nunc Lyciae sortes, nunc et Iove missus ab ipso
interpres divum fert horrida iussa per auras.
scilicet is superis labor est, ea cura quietos
sollicitat. neque te teneo neque dicta refello: 4.380
i, sequere Italiam ventis, pete regna per undas.
spero equidem mediis, si quid pia numina possunt,
supplicia hausurum scopulis et nomine Dido
saepe vocaturum. sequar atris ignibus absens
et, cum frigida mors anima seduxerit artus,
omnibus umbra locis adero. dabis, improbe, poenas.
audiam et haec Manis veniet mihi fama sub imos.´
his medium dictis sermonem abrumpit et auras
aegra fugit seque ex oculis avertit et aufert,
linquens multa metu cunctantem et multa parantem
dicere. suscipiunt famulae conlapsaque membra
marmoreo referunt thalamo stratisque reponunt.

LAMENTO DI DIDONE
Ma la regina (chi potrebbe ingannare un amante?)
presentì, per prima apprese gli avvenimenti futuri
temendo di tutto quello di cui era certa. La stessa empia Fama riportò a lei che era già invasa dalla furia della follia,che veniva preparata la flotta e ci si apprestava alla partenza. Priva di sé e furente, vaga correndo invasata per la città, come Tira evocata dai riti sacri, quando, ascoltato Bacco, la eccitano le orge triennali e di notte il Citerone la chiama con il frastuono.
infine di sua iniziativa si rivolge ad Enea gridando così:
“Hai sperato, o perfido, di poter dissimulare una tale infamia, e senza dir nulla di allontanarti dalla mia terra?
non ti trattengono il nostro amore, né la mano che un giorno mi hai dato né Didone destinata ad una morte crudele? Anzi, anche in inverno allestisci la flotta e ti affretti ad andare al largo in mezzo agli Aquiloni, o crudele? E che? Se non cercassi terre straniere e dimore ignote e rimanesse in piedi l’antica Troia, torneresti a Troia per il mare tempestoso? Ti allontani da me? Ti prego per queste lacrime, per la tua promessa data, (poiché io stessa non lasciai null’altro a me misera), per il nostro connubio, per i responsali che abbiamo iniziato, se ho avuto qualche merito di te, se qualcosa di me ti è stato dolce, ti prego di abitare questa casa che crolla e abbandona questa decisione se c’è ancora una possibilità per le mie preghiere. Per te mi odiano i popoli libici e i tiranni dei Numidi, gli abitanti di Tiro mi sono ostili; sempre per causa tua è venuto meno il pudore e la stima che avevo prima, solo per la quale venivo elevata alle stelle. A chi mi abbandoni, ospite, solo questo nome da marito mi resta? Perché indugio? Forse finché il fratello Pigmalione distrugga le mie mura o il gaetulo Iarba mi faccia prigioniera? Se avessi avuto prole natami da te prima della partenza, se un piccolo Enea giocasse con me/mi illudesse nella reggia, che nel volto mi richiamasse a te, allora non mi vedrei dl tutto sorpresa e abbandonata.”

LA RISPOSTA DI ENEA
Così aveva parlato. Egli teneva i comandi immobili sui comandi di Giove e sforzandosi premeva il dolore dentro il cuore. Infine dice queste poche cose: “Io non negherò, o regina, che hai meriti, i maggiori che sei in grado di enumerare parlando, e non mi rincrescerà ricordare Elissa, finché penserò a me stesso, finché il soffio vitale reggerà queste membra. Di ciò parlerò poco. Non speravo di nascondere la fuga come un ladro, non credere, e non di portare le fiaccole nuziali né ho mai stretto un simile patto. Se i fati permettessero di condurre un’esistenza secondo i miei desideri e di governare a mio piacimento gli affanni, innanzitutto abiterei la città di Troia e sarei presso le mie dolci reliquie, la reggia alta di Priamo sarebbe ancora in piedi e con le mie mani avrei ricostruito per i vinti la rocca di Pergamo caduta due volte. Ma ora Apollo grigneo e gli oracoli della Licia mi hanno ordinato di raggiungere;
questo è amore, questa è la mia patria. Se la rocca di Cartagine e la vista di una città libica trattiene te che sei fenicia, quale invidia c’è per te che i teucri vadano a stabilirsi in terra d’Ausonia (Italia)? Anche a noi è lecito cercare regni stranieri. Ogni volta che la notte copre la terra con le sue umide ombre e ogni volta che sorgono gli astri infuocati il fantasma del padre Anchise mi terrorizza e ammonisce in sogno; mi ammonisce anche il piccolo Ascanio e l’offesa che reco al suo caro corpo,
che defraudo del regno d’Esperia (Italia) e dei campi fatali. Adesso lo stesso messaggero degli dei mandato dallo stesso Giove, lo giuro sul capo di entrambi, mi porta ordini per l’aria veloce; io stesso vidi il dio in un chiarore lucente penetrare nelle mura e io ne accolsi con questi orecchi la voce. Smetti di inasprire me e te con i tuoi lamenti, cerco l’Italia non di mia volontà.”

DISPERAZIONE DELLA REGINA DIDONE
Lei avversa guarda ostilmente lui che dice queste cose ormai girando gli occhi di qua e di là e il suo sguardo vaga con gli occhi muti e, infuocata, scoppia così a parlare: “Non ti fu madre una dea, né Dardano capostipite, o perfido, ma ti ha generato l’orrido Caucaso dalle irte rocce e le tigri ircane (di Lucania) ti hanno porto le loro mammelle (nutrito). Infatti perché fingere riservarmi ad ulteriori oltraggi? Sei forse intenerito per il nostro pianto? Forse che mi ha guardato negli occhi? Forse che, vinto, ha versato una lacrima o ha avuto pietà della sua amante? Cosa posso aspettarmi di peggio? Ormai né la grande Giunone né il padre Saturno possono guardare qui con occhi equi. La fedeltà non è più garantita: l’ho accolto buttato sulla riva e bisognoso di tutto e da pazza gli ho dato parte del mio regno, gli ho salvato la flotta distrutta, ho sottratto i suoi compagni dalla morte. Ah! Sono infiammata e trascinata dalle furie! Ora Apollo augure, ora i responsi della Licia, ora il messaggero degli dei mandato dallo stesso Giove porta per l’aria i comandi. Certamente questa è l’azione degli dei, la sollecitudine muove chi era fermo. Non ti trattengo e non ti propongo altre parole: vattene, segui coi venti l’Italia, cerca regni attraverso le onde. Spero veramente, se le mie preghiere possono qualcosa, che pagherai fino in fondo la pena attraverso gli scogli e invocherai spesso il nome di Didone. Ti seguirò da lontano con fiamme minacciose e quando la fredda morte scinderà le membra dall’anima ti sarò vicina come uno spettro in qualunque luogo. Pagherai il fio, miserabile; questa notizia mi raggiungerà anche laggiù, fra le ombre dei Mani (Inferi).”


Nessun commento:

Posta un commento