Pagine

domenica 5 gennaio 2014

SOLONE - Elegia alle Muse - testo, metrica e traduzione

TESTO
METRICA

Μνημοσύνης καὶ Ζηνός λυμπίου ἀγλαὰ τέκνα,
Μοσαι Πιερίδες, | κλτέ μοι εὐξομέν·
λβον μοι πρὸς θεν μακάρων δότε καὶ πρὸς                                                                           [ἀπάντων]
νθρώπων αἰεὶ | δόξαν ἔξειν ἀγαθήν·
Εἶναι δ γλυκὺν δε φίλοισ’, ἐχθροῖσι δὲ πικρὸν,
τοῖσι μὲν αἰδοῖον, | τοῖσι δὲ δεινὸν ἰδεῖν.
Χρήματα δμείρω μὲν ἔχειν, ἀδίκως δὲ πεπσθαι
οὐκ ἐθέλω· πάντως | στερον λθε δίκη.
Πλοῦτον δ’ ν μὲν δσι θεοί, παραγίγνεται νδρί
μπεδος κ νεάτου | πυθμένος ς κορυφήν·
ν δ’ ἄνδρες μετίωσιν ὑφ’ βριος, οὐ κατὰ κόσμον
ρχεται, λλ’ ἀδικοισ’ | ργμασι πειθόμενος
οὐκ ἐθέλων ἕπεται, ταχέως δ’ ἀναμίσγεται τη·
ρχὴ δ’ ξ ὀλίγου | γίγνεται στε πυρός
φλαύρη μν τὸ πρτον, ἀνιηρ δὲ τελευτᾷ·
οὐ γὰρ δ <ν> θντετοῖσ’ | βριος ργα πέλει.
λλὰ Ζεὺς πάντω(ον) ἐφορ τέλος, ξαπίνες δέ –
στ’ ἄνεμος νεφέλας | αἷψας διεσκέδασεν
ρινός, ς πόντου πολυκύμονος τρυγέτοιο
πυθμένα κινήσας, | γν κατὰ πυροφόρον
δώσας καλὰ ργα θεν ἕδος αἰπὺν ἰκάνει
οὐρανόν, αἰθρίης | δ’ αὖτις ἔθηκεν ἰδεῖν·
λάμπει δ’ ελίοιο μένος κατὰ πίονα γαῖαν
καλόν, ἀτρ νεφέων | οὐδὲν ἔτ’ στιν ἰδεῖν –
τοιαῦτη Ζηνς πέλεται τίσις, οὐ δ’ ἐφ’ ἑκάστῳ
σπερ θνητὸς ἀνρ | γίγνετ(αι) ξύχολος,
αἰεὶ δ’ οὔ ἑ λέληθε διαμπερὲς στις ἀλιτρόν
θυμὸν ἔχ, πάντως | δ’ ς τέλος ξεφάνη·
λλ’ δ’ μὲν αὐτίκ’ ἔτεισεν, ὅ δ’ στερον; οἵ δὲ                                                                        [φύγωσιν]
αὐτοί, μ δὲ θεν | μοῖρ’ ἐπιοῦσα κίχ,
λυθε πάντως αὖτις· ἀναίτιοι ργα τίνουσιν
παῖδες τούτων | γέ<ν>ο<ς ξ> οπίσω.

Splendide figlie di Mnemosine e Zeus Olimpio,
Muse Pieridi, ascoltate la mia preghiera:
concedetemi sempre di avere la felicità da parte degli dei beati e una buona fama da parte di tutti gli uomini; di essere così dolce per gli amici, per i nemici amaro, per quelli degni di rispetto, per questi terribile a vedersi.
Desidero avere denaro, ma non voglio possederlo ingiustamente; in ogni caso dopo è giunta Giustizia.
La ricchezza che danno gli dei si avvicina all’uomo salda dalla più profonda radice fino alla cima;
Invece quella che gli uomini onorano per Ubris, non giunge in modo ordinato, ma obbedendo ad azioni ingiuste segue controvoglia, e presto si mescola Ate; L’inizio capita da un poco, come quello di un fuoco, è insignificante da principio, ma finisce rovinoso;
infatti non durano a lungo per i mortali le opere di υbris. Ma Zeus osserva la fine di tutte le cose,eall’improvviso-
come il vento disperde subito le nuvole a primavera e, dopo aver smosso la profondità del mare dalle molte onde, infecondo, distrutte le belle opere sulla terra produttrice di grano, giunge all’alta dimora degli dei,
il cielo, e di nuovo fa vedere il sereno;
e brilla sulla terra fertile la forza del Sole, bella, e non è più possibile vedere nessuna nuvola.
Tale è la punizione di Zeus, e non diventa iroso
come un uomo mortale per ciascuna occasione,
ma non gli sfugge sempre continuativamente chi ha un animo malvagio, e alla fine in ogni caso si manifesta,
ma uno paga subito, un altro dopo, e a quelli che fuggono loro stessi e la Moira degli dei sopraggiungendo non li coglie, in ogni caso, più tardi giunge; innocenti pagano le azioni, o i figli o la stirpe futura.

2 commenti: