Pagine

sabato 21 luglio 2012

RIASSUNTO CAPITOLO 33 - promessi sposi


Don Rodrigo, dopo una serata di baldoria durante il ritorno da Milano, capisce di aver contratto il malanno. Il mattino dopo chiede il favore al suo fedele Griso di chiamare il suo medico di fiducia, fedeltà che questa volta non viene dimostrata. Vendicandosi di quando lo aveva spedito a Monza, chiama invece i monatti, che trasportano il signorotto al lazzaretto.
Dall’altra parte c’è invece Renzo che torna dal cugino con l’idea di farsi soldato ma, dopo esser guarito dalla peste, viene persuaso a lasciare questa idea per perseguire un desiderio più grande: vedere Lucia, che gli doveva una spiegazione rispetto al voto di castità.
Torna quindi al suo paese, curioso di vederne il cambiamento, ma lì trova solo desolazione, testimoniata anche dal ritrovamento di Tonio, reso dalla peste incantato come il fratello Gervaso.
L’incontro successivo con don Abbondio si rivela sgradevole, poiché lo rimprovera di essere tornato in un posto dove era ricercato, ma nello stesso tempo necessario, perché rivela alcune informazioni: Agnese è a Pasturo, padre Cristoforo lontano a Rimini, Perpetua e molti altri morti.
Viene ospitato da un vecchio amico d’infanzia, dove viene accolto con calore, dal quale riceve informazioni per cercare Lucia.
La mattina dopo parte per Milano, e viene descritto il suo viaggio finché non si ritrova davanti a Porta Nuova.

Nessun commento:

Posta un commento