Pagine

lunedì 28 gennaio 2013

LA POESIA COMICO-REALISTICA - letteratura italiana


LA POESIA COMICO-REALISTICA

-          E’ l’esito di un esperimento letterario a opera di un gruppo di poeti siculo-toscani che sperimentano una poesia originale
-          Siculo-toscani » erano sparsi tra l’Umbria, la Sicilia e la Toscana
                              » sono quei poeti che hanno trascritto le poesie della scuola siciliana
                              » nel 1300 trascrivono le vite dei santi, agiografia (= testi sacri) e romanzi francesi
                              » fanno un esperimento rudimentale di prosa narrativa con la forma delle novelle
-          Poeti importanti » fiorentino Rustico Filippi
                                  » senese Cecco Angiolieri
                                  » Folgòre da San Gimignano
-          Forma metrica » vien utilizzato esclusivamente il sonetto
-          Temi » visione del mondo borghese, pratica, utilitaristica, dominata dagli istinti “bassi
               » vengono messi in rilievo gli aspetti fisici e carnali della passione amorosa
               » la donna stilnovistica, che dona salvezza, qui viene sostituita dalla “femmina
                  interessata al soldo, diabolica, sensuale, provocante, che danna l’uomo che la vede
               » viene composta una frattura tra amore e religione, che erano stati uniti nello Stil novo
               » desiderio di avere denaro, trastulli della taverna (vino, cibo), sono temi ricorrenti
               » enueg = rovesciamento del plazer (= elenco di cose che danno piacere, viene dal provenzale)
               » sono presenti anche invettive, maledizioni contro tutto ciò che ostacola il piacere e il lusso:
                  padri avari, donne che non si concedono, la miseria » frequenti vituperii
-          Forma espressiva » grossolanità, immediatezza espressiva (comico non significa “divertente”)
                                   » è il contrario dello stile sublime (in mezzo tra i due c’è quello medio o elegaico)
                                   » viene scelto un registro linguistico basso affine al parlato che rispecchia la scelta
                                      dei temi che si riferiscono all’esperienza della vita quotidiana
                                   » ricorrenti antitesi ed anafore che conferiscono un andamento mosso, brioso per
                                      la presenza rispettivamente di elementi contrastanti e di ripetizioni ossessive
                                   » frequenti vituperii nelle invettive contro l’ostacolo del godimento
                                   » presenza di dialoghi frenetici e teatrali, sono tutti segni di una perizia letteraria
                                   » frequente presenza di iperboli che esagerano, anche comicamente, le situazioni
                                   » presenza della lingua parlata e di espressioni dialettali

Nessun commento:

Posta un commento